Disciplinare dei passi carrabili

CENSIMENTO E CATASTO PER L’ORGANIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEI “PASSI CARRABILI” ED IL RECUPERO DELLA CORRISPONDENTE “EVASIONE CONTRIBUTIVA” (Disciplinare “tipo”)

 

Premessa

La presente relazione ha lo scopo di descrivere l’implementazione delle azioni utili e necessarie per la gestione della disciplina di regolarizzazione, la conservazione e l’apertura dei passi carrabili su tutti gli spazi pubblici e di uso pubblico gestiti da un Ente, aventi la specifica funzione di facilitare l’accesso dei veicoli alla proprietà privata.

Poiché i passi carrabili non autorizzati, quelli autorizzati ma privi di apposita segnaletica e l’uso abusivo di tali accessi non godono di tutela giuridica, tali situazioni sono soggette ad una sanzione amministrativa, alla “messa a norma” o all’obbligo di ripristino dello stato dei luoghi.

In maniera specifica, i processi di seguito descritti, attraverso la razionalizzazione dei sistemi adottati (database GIS - geographic information system)e l’incrocio dei dati disponibili, consentono, di:

<!-- Redigere/revisionare il “Regolamento Comunale dei Passi Carrabili”.

<!-- Regolarizzare i passi carrabili:

  • realizzati senza autorizzazione;
  • realizzati con autorizzazione, ma in difformità alle prescrizioni stabilite;
  • realizzati con autorizzazione ma privi di apposita segnaletica.

<!- Gestire:

  • le informazioni dei passi carrabili autorizzati, compresa la registrazione delle eventuali variazioni (cambi di destinazione d’uso, revoca, ecc.);
  • le procedure di concessione di nuove autorizzazioni.  

Per passo carrabile si intende l’insieme delle opere e degli apprestamenti atti a collegare un’area privata laterale, idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli, ad un’area aperta all’uso pubblico.

È inoltre passo carrabile anche l’accesso a raso, senza opere, che collega un’area privata laterale, idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli, ad un’area aperta all’uso pubblico.

Sono passi carrabili gli accessi ad aree destinate all’esposizione, vendita, manutenzione dei veicoli.

 

Descrizione della Soluzione

La soluzione deve consentire di verificare le autorizzazioni già in essere e di gestire sistematicamente le procedure per l’emissione di nuove autorizzazioni, permettendo il recupero dell’”evasione”; a tale scopo deve essere prevista l’attivazione delle seguenti “fasi operative”:

<!-- Gestione delle autorizzazioni già rilasciate:

  1. Censimento dei passi carrabili ed implementazione del catasto su base GIS (geographic information system);
  2. Caricamento dei dati relativi alle autorizzazioni “in essere” nel data-base cartografico su base GIS;
  3. Verifica dei dati e collegamento dell’autorizzazione alla scheda informatizzata del passo carrabile “concesso”; riscontro delle eventuali “anomalie” per mancanza o difformità dei dati;
  4. Attivazione del nuovo “modulo” (informatizzato) per la gestione dell’autorizzazione di nuove concessioni.

 

<!-- Gestione delle nuove autorizzazioni per il recupero dell’evasione:

Individuazione catastale (proprietario) degli accessi carrabili, con le seguenti “distinzioni”:

      • accessi con segnale (figg.74 e 78 del Regolamento di Attuazione del Codice della Strada) di divieto di sosta “non a norma”;
      • accessi con sola evidenza della possibilità d’uso del collegamento dell’area privata laterale, idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli, alla viabilità pubblica.

Tale “individuazione” sarà resa possibile principalmente dall’adozione di specifico Sistema Informativo su base GIS (geographic information system), che consentirà la gestione georeferenziata, in formato digitale, delle planimetrie catastali dell’Amministrazione e dei relativi dati censuari (dati Agenzia delle Entrate forniti dall’Ente in formato digitale).

Se disponibili, saranno inoltre “incrociati” i seguenti dati:

      • Dati ISTAT puntuali sugli accessi;
      • Archivio ANNONA;
      • Archivio TARSU. 

Per ogni singolo “accesso carrabile” individuato, all’Amministrazione saranno resi disponibili, su supporto informatico e on-line via web in modo da consentire anche la condivisione delle informazioni work in progress e la stampa dei rapporti (riepilogativi o di dettaglio), i seguenti dati:

      • Ubicazione “georeferenziata” dell’accesso (latitudine e longitudine rilevate in maniera “puntuale” con strumentazione GPS tramite l’adozione di apposito Sistema Informativo Territoriale), oltre a “strada” e “numero civico” (se presente);
      • I dati catastali (foglio, particella, titolare);
      • Foto dell’accesso

 

Deve essere prevista la fornitura, per un periodo da definire, anche del servizio di consultazione via web, oltre all’assistenza per la preparazione dei programmi di gestione e il conseguente aggiornamento della banca dati, tale azione sarà garantita dall’adozione di procedure specifiche in accordo con l’Amministrazione committente. Il servizio sarà eseguito con apposito programma software per la gestione delle informazioni restituite; il programma consisterà in un Sistema Informativo Dinamico, realizzato secondo quanto previsto dalla norma UNI 10951, che definisce tale sistema informativo come “un sistema di supporto decisionale ed operativo costituito da una base-dati e da procedure e strumenti finalizzati a raccogliere, archiviare, elaborare, utilizzare ed aggiornare informazioni necessarie per la gestione in qualità dei processi (progettuali, programmatori, organizzativi, tecnici ed amministrativi, ecc.) sottesi all’impostazione, all’attuazione e alla gestione del servizio di manutenzione”. Il SITconsisterà in uno strumento di gestione delle informazioni, inteso come “sistema nel quale un insieme complesso di dati (tipici, in questo caso, dei passi carrabili) vengono raccolti in maniera puntuale, elaborati in funzione della gestione organizzativa e del recupero dell’evasione delle concessioni relative all’ottenimento dell’autorizzazione all’uso dell’accesso carrabile, e resi noti (condivisione delle informazioni) in modo da fornire assistenza ai responsabili dell’amministrazione. Per sua struttura deve costituire un supporto alla organizzazione del processo gestionale; processo che dovrà poter essere pianificato e controllato dinamicamente.

 

Redazione della “Lista delle Anomalie”:

Le eventuali “Anomalie” che dovessero emergere in seguito al riscontro di dati discordanti in merito alla titolarità di uno o più accessi carrabili, saranno catalogate in una apposita “Lista” che consentirà all’Amministrazione l’esecuzione di azioni mirate di verifica.

 

      Redazione della “Lista degli Intestatari” dei “potenziali” passi carrabili:

Le “azioni” sopra descritte consentiranno di redigere la “Lista degli Intestatari”, potenziali titolari dell’uso di un “passo carrabile”. Poiché tali accessi non godono della prevista tutela giuridica, l’Amministrazione comunicherà ai “titolari” che l’uso abusivo degli stessi è soggetto a sanzione amministrativa e all’obbligo della richiesta di autorizzazione. Con apposta dichiarazione che, tra l’altro, dovrà illustrare l’impiego al quale è adibito l’immobile, i “titolari” potranno rinunciare all’uso del passo carrabile; in tal caso sarà loro richiesto il ripristino dei luoghi, o comunque l’Amministrazione potrà adottare idonei sistemi per impedire tale uso (posa di paletti parapedonali, di fioriere, ecc.).

 

 Allegato A

Normativa vigente

Codice della Strada

Il passo carrabile è l’”accesso ad un'area laterale idonea allo stazionamento di uno o più veicoli”.

Art. 22 (Accessi e diramazioni)

      1. Senza la preventiva autorizzazione dell'ente proprietario della strada non possono essere stabiliti nuovi accessi e nuove diramazioni dalla strada ai fondi o fabbricati laterali, né nuovi innesti di strade soggette a uso pubblico o privato.
      2. Gli accessi o le diramazioni già esistenti, ove provvisti di autorizzazione, devono essere regolarizzati in conformità alle prescrizioni di cui al presente titolo.
      3. I passi carrabili devono essere individuati con l'apposito segnale, previa autorizzazione dell'ente proprietario.
      4. Sono vietate trasformazioni di accessi o di diramazioni già esistenti e variazioni nell'uso di questi, salvo preventiva autorizzazione dell'ente proprietario della strada.
      5. Il regolamento determina i casi in cui l'ente proprietario può negare l'autorizzazione di cui al comma 1.
      6. Chiunque ha ottenuto l'autorizzazione deve realizzare e mantenere, ove occorre, le opere sui fossi laterali senza alterare la sezione dei medesimi, né le caratteristiche plano-altimetriche della sede stradale.
      7. Il regolamento indica le modalità di costruzione e di manutenzione degli accessi e delle diramazioni.
      8. Il rilascio dell'autorizzazione di accessi a servizio di insediamenti di qualsiasi tipo è subordinato alla realizzazione di parcheggi nel rispetto delle normative vigenti in materia

  • Nel caso di proprietà naturalmente incluse o risultanti tali a seguito di costruzioni o modifiche di opere di pubblica utilità, nei casi di impossibilità di regolarizzare in linea tecnica gli accessi esistenti, nonché in caso di forte densità degli accessi stessi e ogni qualvolta le caratteristiche plano-altimetriche nel tratto stradale interessato dagli accessi o diramazioni non garantiscano requisiti di sicurezza e fluidità per la circolazione, l'ente proprietario della strada rilascia l'autorizzazione per l'accesso o la diramazione subordinatamente alla realizzazione di particolari opere quali innesti attrezzati, intersezioni a livelli diversi e strade parallele, anche se le stesse, interessando più proprietà, comportino la costituzione di consorzi obbligatori per la costruzione e la manutenzione delle opere stesse. 
  • Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti stabilisce con proprio decreto, per ogni strada o per ogni tipo di strada da considerare in funzione del traffico interessante le due arterie intersecantisi, le caratteristiche tecniche da adottare nella realizzazione degli accessi e delle diramazioni, nonché le condizioni tecniche e amministrative che dovranno dall'ente proprietario essere tenute a base dell'eventuale rilascio dell'autorizzazione. È comunque vietata l'apertura di accessi lungo le rampe di intersezioni sia a raso che a livelli sfalsati, nonché lungo le corsie di accelerazione e di decelerazione.
  • Chiunque apre nuovi accessi o nuove diramazioni ovvero li trasforma o ne varia l'uso senza l'autorizzazione dell'ente proprietario, oppure mantiene in esercizio accessi preesistenti privi di autorizzazione, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una sanzione. La violazione comporta la sanzione amministrativa accessoria dell'obbligo del ripristino dei luoghi, a carico dell'autore della violazione stessa e a proprie spese, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI. La sanzione accessoria non si applica se le opere effettuate possono essere regolarizzate mediante autorizzazione successiva. Il rilascio di questa non esime dall'obbligo di pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria.

 

 

 

Regolamento di Attuazione del Codice della Strada

Art. 44. - Accessi in generale

Ai fini dell'articolo 22 del codice, si definiscono accessi:

  • a)    le immissioni di una strada privata su una strada ad uso pubblico;
  • b)    le immissioni per veicoli da un'area privata laterale alla strada di uso pubblico.

Gli accessi di cui al comma 1 si distinguono in accessi a raso, accessi a livelli sfalsati e accessi misti. Per gli accessi a raso e per quelli a livelli sfalsati valgono le corrispondenti definizioni di intersezione di cui all'articolo 3 del codice. Gli accessi misti presentano, al contempo, le caratteristiche degli accessi a raso e di quelli a livelli sfalsati.

Art. 45. - Accessi alle strade extraurbane

  1. Nelle autostrade non sono consentiti accessi privati.
  2. Nelle strade extraurbane principali sono consentiti accessi privati ubicati a distanza non inferiore a metri 1000 tra loro, misurata tra gli assi degli accessi consecutivi.
  3. Nelle strade extraurbane secondarie sono consentiti accessi privati purché realizzati a distanza non inferiore, di norma, a 300 m tra loro, misurata tra gli assi degli accessi consecutivi per ogni senso di marcia. L'ente proprietario della strada può derogare a tale distanza, fino ad un minimo di 100 m, qualora, in relazione alla situazione morfologica, risulti particolarmente gravosa la realizzazione di strade parallele. La stessa deroga può essere applicata per tratti di strade che, in considerazione della densità di insediamenti di attività o di abitazioni, sono soggetti a limitazioni di velocità e per i tratti di strade compresi all'interno di zone previste come edificabili o trasformabili dagli strumenti urbanistici generali od attuativi vigenti.
  4. Le strade extraurbane principali di nuova costruzione devono essere provviste di fasce laterali di terreno tali da consentire l'eventuale inserimento di strade di servizio per il collegamento degli accessi privati di immissione sulla strada.
  5. Gli accessi devono essere localizzati dove l'orografia dei luoghi e l'andamento della strada consentono la più ampia visibilità della zona di svincolo e possibilmente nei tratti di strada in rettilineo, e realizzati in modo da consentire una agevole e sicura manovra di immissione o di uscita dalla sede stradale, senza che tale manovra comporti la sosta del veicolo sulla carreggiata.
  6. L'ente proprietario della strada può negare l'autorizzazione per nuovi accessi, diramazioni e innesti, o per la trasformazione di quelli esistenti o per la variazione d'uso degli stessi quando ritenga che da essi possa derivare pregiudizio alla sicurezza e fluidità della circolazione e particolarmente quando trattasi di accessi o diramazioni esistenti o da istituire in corrispondenza di tratti di strada in curva o a forte pendenza, nonché ogni qualvolta non sia possibile rispettare le norme fissate ai fini della visibilità per le intersezioni di cui agli articoli 16 e 18 del codice.
  7. L'ente medesimo può negare l'autorizzazione di accessi in zone orograficamente difficili che non garantiscono sufficienti condizioni di sicurezza.
  8. Gli accessi e le diramazioni devono essere costruiti con materiali di adeguate caratteristiche e sempre mantenuti in modo da evitare apporto di materie di qualsiasi natura e lo scolo delle acque sulla sede stradale; devono essere inoltre pavimentati per l'intero tratto e comunque per una lunghezza non inferiore a 50 m a partire dal margine della carreggiata della strada da cui si diramano.
  9. Gli accessi sono realizzati e mantenuti sia per la zona insistente sulla strada sia per la parte ricadente sulla proprietà privata, a cura e spese dei titolari dell'autorizzazione, i quali sono tenuti a rispettare le prescrizioni e le modalità fissate dall'ente proprietario della strada e ad operare sotto la sorveglianza dello stesso.
  10. È consentita l'apertura di accessi provvisori per motivi temporanei quali l'apertura di cantieri o simili. In tali casi deve essere disposta idonea segnalazione di pericolo ed, eventualmente, quella di divieto.

Art. 46. - Accessi nelle strade urbane. Passo carrabile

  1. La costruzione dei passi carrabili è autorizzata dall'ente proprietario della strada nel rispetto della normativa edilizia e urbanistica vigente.
  2. Il passo carrabile deve essere realizzato osservando le seguenti condizioni:

a) deve essere distante almeno 12 metri dalle intersezioni e, in ogni caso, deve essere visibile da una distanza pari allo spazio di frenata risultante dalla velocità massima consentita nella strada medesima;

b) deve consentire l'accesso ad un'area laterale che sia idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli;

c)   qualora l'accesso alle proprietà laterali sia destinato anche a notevole traffico pedonale, deve essere prevista una separazione dell'entrata carrabile da quella pedonale.

  1. 3.   Nel caso in cui i passi carrabili, come definiti dall'articolo 3, comma 1, punto 37), del codice, rientrino nella definizione dell'articolo 44, comma 4, del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507, nella zona antistante gli stessi vige il divieto di sosta, segnalato con l'apposito segnale di cui alla figura II.78. In caso contrario, il divieto di sosta nella zona antistante il passo medesimo ed il posizionamento del relativo segnale, sono subordinati alla richiesta di occupazione del suolo pubblico che, altrimenti, sarebbe destinato alla sosta dei veicoli, in conformità a quanto previsto dall'articolo 44, comma 8, del citato decreto legislativo n. 507 del 1993.
  2. 4.    Qualora l'accesso dei veicoli alla proprietà laterale avvenga direttamente dalla strada, il passo carrabile oltre che nel rispetto delle condizioni previste nel comma 2, deve essere realizzato in modo da favorire la rapida immissione dei veicoli nella proprietà laterale. L'eventuale cancello a protezione della proprietà laterale dovrà essere arretrato allo scopo di consentire la sosta, fuori della carreggiata di un veicolo in attesa di ingresso. Nel caso in cui, per obbiettive impossibilità costruttive o per gravi limitazioni della godibilità della proprietà privata, non sia possibile arretrare gli accessi, possono essere autorizzati sistemi di apertura automatica dei cancelli o delle serrande che delimitano gli accessi. È consentito derogare dall'arretramento degli accessi e dall'utilizzo dei sistemi alternativi nel caso in cui le immissioni laterali avvengano da strade senza uscita o comunque con traffico estremamente limitato, per cui le immissioni stesse non possono determinare condizioni di intralcio alla fluidità della circolazione.
  3. 5.    È consentita l'apertura di passi carrabili provvisori per motivi temporanei quali l'apertura di cantieri o simili. In tali casi devono essere osservate, per quanto possibile, le condizioni di cui al comma 2. Deve in ogni caso disporsi idonea segnalazione di pericolo allorquando non possono essere osservate le distanze dall'intersezione.
  4. 6.    I comuni hanno la facoltà di autorizzare distanze inferiori a quelle fissate al comma 2, lettera a), per i passi carrabili già esistenti alla data di entrata in vigore del presente regolamento, nel caso in cui sia tecnicamente impossibile procedere all'adeguamento di cui all'articolo 22, comma 2, del codice.
Sei qui: Home Info Tecniche Disciplinare dei passi carrabili